Sta a ciascuno di noi rimanere con gli occhi aperti per non perdere queste tracce per essere consapevoli, e non burattini manovrati senza capacità critica.
Su questo blog c'è qualche traccia, il resto non dovete mai smettere di cercarle voi.

martedì 27 maggio 2008

Vivisezione: ostacolo al progresso scientifico e un orrore senza fine



Questo video è cruento, atroce, e la tentazione di non guardare è forte. Ma pensiamo che tutto questo è solo un attimo della sofferenza che vivono gli animali ogni minuto negli stabulari.
Ma perché tutto questo orrore?

La sperimentazione animale - sinonimo di vivisezione - trasferisce all'uomo i risultati ottenuti sugli animali a scopo di ricerca. Permette l'immissione sul mercato di nuovi farmaci molto lucrosi per chi li produce.
Non tutti sanno, però, che in undici anni solo in Italia sono stati ritirati per inidoneità o perché pericolosi oltre 25000 prodotti farmaceutici la cui validità era stata garantita dalla sperimentazione animale la quale oltre che crudele è inutile e dannosa.
In molti casi gli esperimenti sugli animali possono fuorviare i ricercatori o addirittura possono causare la malattia o il decesso di pazienti, non essendo idonei a far prevedere gli effetti tossici che i farmaci possono avere nell'uomo. Risultati fuorvianti, ottenuti in esperimenti sugli animali hanno in molti casi addirittura ritardato i progressi in campo medico.
L'insulina (indispensabile per i diabetici) provoca malformazioni in galline, topi, conigli; il vaiolo e la febbre gialla sono normalmente sconosciute tra gli animali; una dose di fosfati organici sufficiente a uccidere un uomo, lascia più che tranquillo il piccolo topo; analogamente il porcospino può ingoiare, in un solo colpo, tanto oppio quanto un drogato ne può fumare in un mese o tanto acido prussico quanto ne basterebbe per avvelenare un intero reggimento; la Novalgina crea sovraeccitamento e perdita di bava nel gatto; diete ricche di calorie diminuiscono l'arteriosclerosi nei conigli; l'arsenico non è velenoso per la pecora e la cicuta non lo è per i cavalli, capre e topi; l'aspirina è teratogena per i gatti e i topi, ma non per l'uomo.
Agli inizi degli anni ottanta l'antidolorifico Zomepirac era ampiamente usato ma, dopo essere stato implicato in ben 14 decessi e in centinaia di reazioni allergiche che avevano messo a repentaglio la vita dei pazienti, è stato ritirato dal commercio. La Nomifensina, un antidepressivo con tossicità minima nei ratti, nei conigli, nei cani, e nelle scimmie, ha provocato negli esseri umani tossicosi epatica e anemia, effetti rari ma gravi, talvolta fatali, che hanno costretto il produttore a ritirare il farmaco dal commercio.
Alla luce di questi fatti a chi e a cosa serve tutto questo orrore su esseri viventi?

Alla luce di questi fatti a chi e a cosa serve tutto questo orrore su esseri viventi? Un esempio:

15.000 animali ustionati a morte per dimostrare statisticamente gli effetti, già noti, di un estratto epatico.

Cucitura tra loro di numerosi animali (per studi sull'uremia) attraverso la pelle. Poiché la pelle si strappava, i malcapitati venivano in seguito cuciti per i muscoli della pancia, ma talora riuscivano ugualmente a separarsi, lacerando i tessuti, con fuoriuscita degli intestini.

Centinaia di scimmie completamente immobilizzate per mesi e mesi (talvolta anche per anni) dagli apparecchi di contenzione e fatte impazzire per mezzo di brutali scariche elettriche finché non si manifestarono i sintomi dell'epilessia (convulsioni, schiuma alla bocca ecc.).

14 gatti spelliti vivi per sapere se, in questo caso, una somministrazione di adrenalina sarebbe riuscita a evitare l'abbassamento della temperatura corporea.

Per verificare se il taglio del nervo simpatico costituisce una protezione contro il congelamento, a 10 cani vennero prima recisi i nervi delle cosce e poi congelate le zampe: ad alcuni di essi queste rimasero deformate, ad altri si staccarono, i rimanenti morirono in una lenta agonia.

130 giorni di schiaffi, scossoni, compressioni della coda (per mezzo di una morsa) a un gatto onde studiarne le manifestazioni d'angoscia. Prima di morire per il dolore, la vittima riuscì ancora a sopportare numerose scariche elettriche su ciò che rimaneva della coda martoriata. Allo stesso fine altri ricercatori usarono invece pavimenti arroventati e spilloni sotto le zampe.

56 scimpanzé strappati alle madri nei primi giorni di vita e mantenuti in totale isolamento per 5-8 anni, al fine di studiarne il comportamento. Qualcuno impazzì, altri tentarono il suicidio, altri ancora continuarono a mordersi e a graffiarsi a sangue.

350 scimmie Rhesus (la cui struttura ossea, elasticità e resistenza sono ben diverse dalle nostre) gettate contro un muro di cemento per controllare gli effetti degli incidenti automobilistici.

L'esperimento venne in seguito "migliorato" usando babbuine gravide. Fu così possibile fare una eccezionale scoperta: "maggiore è la velocità del veicolo e maggiori sono i danni"!

Onde studiare i trapianti, fu creato un mostruoso essere a due teste: un pastore tedesco sul cui collo venne innestato il capo di un altro cane. Le due teste, rese folli per il dolore, continuarono a mordersi per 29 giorni, prima che gli sperimentatori decidessero la soppressione dell'animale.
500 ratti, ciascuno fatto ruotare per 650 volte in un tamburo di metallo per studiare shock traumatici in assenza di emorragie. A quelli estratti moribondi vennero estirpate ghiandole o visceri e furono quindi rimessi sui tamburi per ulteriori osservazioni.

300 cani mantenuti costantemente in una posizione stressante e quindi ammazzati con una scarica elettrica al cuore. Si è potuto così dimostrare che per uccidere un cane stressato occorre meno elettricità.
Zampe anteriori amputate a decine di topi per osservare come avrebbero fatto, in tali condizioni, a "lavarsi il muso".

350 gatti obbligati a stare (fino a 70 giorni) su un mattone a fior d'acqua in modo che non potessero addormentarsi (il muso cadeva nell'acqua provocando l'immediato risveglio). In questo modo si scoprì che "la mancanza di sonno è dannosa per l'equilibrio mentale".
Continue scosse elettriche a una capra per condizionarla ad alzare una zampa in risposta a un dato rumore. Dopo 4286 prove la capra, ormai terrorizzata, non riabbassava più la zampa se non riceveva un ulteriore scarica elettrica.
Interminabili scariche elettriche su centri nervosi di scimmie per dimostrare che "il dolore rende aggressivi".

Centinaia di gatti, immobilizzate da stanghe d'acciaio che attraversavano le orbite svuotate, il palato e le orecchie, ai quali venne recisa prima la colonna vertebrale, quindi distrutti udito e olfatto, poi asportati i testicoli e, infine, messo a nudo il nervo del pene per attaccarvi degli elettrodi e somministrare continue scosse, sino alla morte. Un metodo usato da diversi laboratori per "studiare la vita sessuale dei gatti"

E ancora: quanto mascara possiamo gettare nell'occhio, privato delle palpebre, di una cavia, prima che si determinino danni irreparabili?Quante sigarette può fumare un coniglio?Quanto tempo può rimanere digiuno un gatto?Fino a che punto una scimmia, cui sia stato occluso l'intestino, può gonfiarsi con i propri escrementi?Quanto impiegano a sciogliersi i tessuti di sei conigli vivi cosparsi di sostanze corrosive?Che cosa accade a un cane se gli si cuce una zampa dentro il torace?

La vivisezione non ha nessun fondamento scientifico, anzi, ritarda e ostacola la conoscenza di una sostanza su un essere umano, e provoca molte morti per farmaci sbagliati. Allora Perché?
Perché è la via più breve per le case farmaceutiche per arrivare a superare i protocolli burocratici per l’immissione di un farmaco nel mercato, di conseguenza anticipare e incrementare i guadagni!


Ma a tutto questo orrore si aggiunge un'altra atroce verità:

Moltissimi cani e gatti randagi vengono prelevati dal sud del mondo compreso Italia, con promesse di felici adozioni nel nord Europa, ma il destino di questi animali è si nel Nord Europa, ma su un tavolo di vivisezione.

Tutto questo da vita a un ampio e continuo traffico molto redditizio di cui c'è ampia cronaca, anche se ancora molte persone preferiscono credere alle favole.

8 commenti:

Francesca ha detto...

La gente pensa a "ricerca" "sperimentazione" come qualcosa di asettico, ma non credo abbia idea di questo continuo e orribile massacro continuo sugli animali!
Esperimenti senza nessuna logica scientifica, nessun senso, impossibile non essere sadici per non fare tutto questo.
Il profitto, il profitto e ancora il profitto, alle lobby farmaceutiche non interessa nulla della vita umana e animale!

Gegia ha detto...

Abbiamo veramente toccato il fondo... siamo all'inferno...creato dagli umani per profitto.
E sotto il manto di assozioni e fondazioni protezionistiche animaliste ed umane, si nasconde ben altro, eh sì, così il profitto è ancora maggiore perché si commerciano esseri viventi evadendo le tasse e si raccolgono tante offerte!
E' semplicemente un orrore senza fine.
Che pensate, quando arriverà la fine di questi orrori?

Anonimo ha detto...

Sapete che un grossa e nota casa farmaceutica cerca il supporto di associazioni per un lobby pesante nella UE che sta revisionando la normativa europea sulla vivisezione?

Elettra ha detto...

Sulla validità della vivisezione farmacologica sapete cosa è avvenuto con il farmaco a base di cliochinolo (un antidiarroico)?
Ha prodotto vittime innumerevoli in Giappone e la ditta produttrice si è difesa in tribunale sostenendo che la ragione del massacro andava cercata nella razza (ossia che era colpa dei giapponesi se a migliaia sono diventati ciechi e/o paralitici).

antitraffici ha detto...

Anonimo, in troppo pochi non aprono gli occhi e non capiscono come mai certe associazioni animaliste sono piene di quattrini ed aiutano i "paesi del sud e dell'est".... chissà come mai....
chissà come mai chi aiuta veramente senza secondi fini altri esseri viventi è sempre squattrinato....

Anonimo ha detto...

Antifraffici: chi non guadagna un dollaro bucato e non vuole guadagnarlo è una persona onesta e può camminare a testa alta, non trovi?
Bello il tuo nome, mi strapiace!

antitraffici ha detto...

Sì anonimo, può camminare a testa alta, ma incazzato nero perché la stragrande maggioranza ci lucra e quindi fà fare viaggi nell'ignoto a tutti gli esseri viventi che sposta quà e là! E chi è squattrinato riesce ad aiutarne troppo pochi!!!Si sente una formica che vuol fermare un TAV!!
Ma...... tante formiche possono fermare un TAV, non c'è dubbio!!!

Jennifer ha detto...

Quando mi appare ciò che è scritto in rosso, brividi gelati mi passano su tutto il corpo... Ma se gli umani sono capaci fare queste efferratezze su degli esseri indifesi e per scopi assurdi... che non hanno senso... cos'altro è capace di fare?
E' moltooooo preoccupante