Sta a ciascuno di noi rimanere con gli occhi aperti per non perdere queste tracce per essere consapevoli, e non burattini manovrati senza capacità critica.
Su questo blog c'è qualche traccia, il resto non dovete mai smettere di cercarle voi.

domenica 15 giugno 2008

Una settimana alla sentenza Spartacus

Il 16 giugno si celebrerà la sentenza del processo d’appello Spartacus, maxiprocesso contro la Camorra.Mancano pochi giorni e l’affondo violento della Camorra ha un obiettivo preciso far venir fuori dalla nebbia chi li combatte veramente e colpire.

La paura in Campania e lo stordimento causato dal braccio violento dei Casalesi è forte, in ambienti anticamorra sia nella società civile che nella politica ci si sente soli più che mai e per questo impauriti, è un clima strano che sta portando con assenze gravi ai funerali delle vittime e alle manifestazioni antimafia a comporre il puzzle dell’anticamorra agli occhi dei Casalesi, ma anche ai nostri , ed intendiamo evidenziare colpe gravi .

Ai funerali di Domenico Noviello, imprenditore ucciso dalla Camorra, ai funerali di Michele Orsi imprenditore che stava ricomponendo la commistione politico camorristica, alcune istituzioni Casertane importanti non c’erano , e le stesse non erano ad un’importante manifestazione anticamorra pochi giorni fa’ .Nel codice delle mafie quest’atto è una ritirata e un posizionamento lontano da chi combatte la camorra, un gesto vigliacco che intendiamo denunciare, perché Caserta, il Comune e la Provincia più dilaniati d’Italia , hanno il diritto di vedere i loro vertici istituzionali locali ai funerali di chi viene ucciso dai Casalesi, non andare ora non è tollerabile e noi lo denunciamo.

I politici e le associazioni che combattono la Camorra sono soli come non mai in Campania , non lo sono a livello nazionale certo , e la manifestazione nazionale del PD a Casal di Principe è un gesto importante che parla chiaro, ma parlano in modo altrettanto chiaro le assenze delle istituzioni locali ai funerali dei morti ammazzati, in conseguenza di ciò invitiamo tutti il 16 giugno a Caserta fuori l’aula di giustizia di Santa Maria Capua Vetere dove ci sarà tutta l’Italia che combatte la mafia.

Fino ad allora aspettiamo con ansia la sentenza di Spartacus con dossier, interviste, denuncie , articoli sperando vivamente che i grandi quotidiani nazionali si lascino trasportare da questa voglia di giustizia contro il sopruso delle mafie.

Fonte http://www.articolo21.info/

5 commenti:

Lara ha detto...

E' scandaloso il silenzio dei media su questa importantissima vicenda.
C'è gente che non sa nemmeno cosa sia il processo Spartacus, e non mi meraviglio, i titoli dei giornali sono impegnati sempre in ben altro...

Anonimo ha detto...

Sono impegnati a parlare delle partite di calcio e, intanto, il cervello dei più va inevitabilmente al macero...

Anonimo ha detto...

E dei fatti cretini dei Vip, un giorno ti dicono che la tal cosa fà bene alla salute ed il giorno dopo, il contrario...
Ma è questo ciò che vogliono, che le menti siano tutte annebbiate...

Anonimo ha detto...

La condanna è stata confermata, ma....cambierà qualche cosa realmente?

Anonimo ha detto...

Se le menti non vengono annebbiate, i giovani si fanno sentire e rispettare, qualcosa cambia di certo. Ci sono già tanti segnali dopo l'uscita del libro Gomorra ed i tanti articoli scritti.
Bisogna comunque lottare, ci vuole tempo a cambiar le cose...
Esserem guerrieri della luce costa molta fatica, ma la luce è quella che vince sempre